La carta
d’identità


Marissa De Giovanetti,
17 anni, Faido

degiovanetti.marissa@gmail.com

Il mio progetto consiste in un cubo con all’interno una carta d’identità, che porta una corona di spine.
Il cubo rappresenta il mondo in qui la carta d’identità vive: la sua importanza è confinata e difesa. Uno spazio stabilito burocraticamente e non umanamante. La carta, invece, che è rappresentata avente la corna di spine, richiama Gesù Cristo. Ho scelto di fare questo confronto perché credo che la carta d’identità Svizzera sia paragonabile alla figura di Cristo dal momento che, malgrado si dichiari uguale alle sue “creature”, esso è sempre al di sopra degli esseri umani. La tematica che affronto è dunque il fatto che, la Svizzera non sia mai stata omogenea ed eguale in ambito di diritti, poiché può essere un pezzo di carta a confermare o negare la tua superiorità rispetto agli altri. Il cubo richiama inoltre il confine stesso della Svizzera, come anche la corona di spine allude ad una barriera di filo spinato.